La perla, il gioiello senza tempo.

Cos' è una perla? Ve lo siete mai chiesto?


Ve lo spiego io in parole molto semplici: la perla nel mondo dei gioielli è considerata una gemma organica. Organica perché deriva da processi di organismi animali e non da minerali, perciò formata da elementi che si degradano.


La perla viene create da determinate specie di ostriche (non in tutte) ed è il loro materiale di “scarto”.

Semplicemente la perla si forma quando un corpo estraneo entra nei tessuti molli dell’ostrica.

Dobbiamo immaginarci che a quest’ultima il corpo estraneo dia fastidio e non riesca ad espellerlo, quindi il suo sistema per placare l’impiccio, è quello di ricoprire l’intruso con del materiale, finchè esso non darà più fastidio.


La sostanza che secerne è il carbonato di calcio, che verrà deposto a strati e gli ultimi si cristallizzeranno e prenderanno il tipico aspetto perlescente!


Le perle si dividono principalmente in perle di acqua dolce e perle di mare.

Oggi giorno il 99% delle perle che troviamo in commercio sono coltivate dall’uomo.

La differenza tra le due categorie è la qualità, le tempistiche per la formazione e di conseguenza il prezzo. Le prime costano molto meno della seconde.


Una perla di acqua dolce ci mette molto meno a formarsi di una di acqua salata.

Non pensiate che questo processo sia immediato o duri pochi giorni, le perle ci mettono mesi se non anni a crearsi.


I maggiori produttori di perle coltivate sono i cinesi, che ogni anno aumentano il processo qualitativo di produzione, per cui troviamo in commercio perle sempre più belle a basso costo. Questo purtroppo fa si che il valore di investimento di una collana di perle, che un tempo era assai frequente, in questi ultimi anni sia diventato alquanto irrisorio. La svalutazione del materiale è presso che immediata.


Quindi per mio semplice consiglio, comprate le perle se vi piacciono ma non per altri scopi.


Ma come si coltivano le perle? Ovviamente, l’uomo e le tempistiche di produzione, non possono aspettare il lungo processo che richiederebbe la naturale formazione di una perla, quindi per ovviare ed anticipare questo, inserisce egli stesso un corpo estraneo nell’ostrica, in modo da dimezzare il tempo.

Per il resto ci penserà l’ostrica a ricoprire questo corpo estraneo e trasformarlo in una perla.


Le perle coltivate sono il risultato di scoperte fatte verso la fine del XIX° secolo e l'inizio del XX° secolo da parte di ricercatori giapponesi, tra i quali il più conosciuto è Kokichi Mikimoto.


I corpi estranei vengono scelti prima, per forma e dimensioni. Di solito nelle ostriche di mare si usano delle piccole sfere di conchiglia già pronte, così poi, da avere una perla perfettamente tonda. Per le ostriche di acqua dolce si usano un altro tipo di materiale non perfettamente tondi e quindi la loro forma sarà più ovaloide.

In commercio, quindi, potremo trovare perle perfettamente sferiche di mare o un po’ più oblunghe e non perfette, di acqua dolce, alcune hanno forma assolutamente casuale e sono chiamate Barocche.

Questo tipo di perla, chiamata anche Scaramazza, è stata usata moltissimo durante l’Art Noveau (fine Ottocento inizio Novecento) in gioielli davvero estrosi.




Le perle più costose che si possono trovare sono quelle di mare Australiane. Sono fra quelle dalle dimensioni più grandi e particolari, con colori fuori dalla norma, arancione, giallo, nere..

Se trovate in commercio perle dai colori strani ed appariscenti (che non costano una follia) sappiate che non sono naturali, ma tinte!


In Italia non sono molto conosciute, nel mondo della gioielleria siamo molto legati alle tradizioni ed alla cultura. Le perle sono da sempre legate a simbolo di purezza e dolcezza, fin dai tempi antichi, ed erano un ottimo dono di nozze.


Ma in molti paesi occidentali, è considerato di cattivo auspicio che la sposa indossi le perle il giorno delle nozze, perché rappresentano le lacrime e la tristezza nella futura vita coniugale!

Tuttavia, al di là delle superstizioni, le perle, si addicono perfettamente all'abbigliamento di una sposa.


Inoltre le collane di perle sono indossate sia da giovani che da signore, perché donano grande luce al viso, grazie al loro candore.

Per questo è un gioiello che non passa mai di moda ed a volte basta trovare il modo di rimodernarlo solo un po’!

Se ti interessa rimanere aggiornato sul mio lavoro iscriviti alla Newsletter!


A presto

Aurora

71 visualizzazioni
  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle

LABORATORIO ORAFO AURORA ECCHER  Via Valentini 50 38060 Calliano (Trento)  P.IVA: 02450790221  C.F: CCHRRA92D47H612Y